A.A.A. HOME STAGER CERCASI

Casa in vendita in crisi.

Uscirne? Si può e con classe, grazie all’intervento dell’ HOME STAGER e dell’ HOME STAGING.

L’Home Staging nasce negli Stati Uniti negli anni ’80 ed è la pratica di preparare le case per la vendita, siano esse abitate o vuote. Nei paesi anglosassoni è lo stesso venditore a richiedere un intervento di Home Staging prima di affidare la casa ad una agenzia immobiliare. In Italia il pubblico è ancora poco informato per cui sono gli agenti immobiliari a suggerirlo ai loro clienti.

L’Home Staging  è una pratica, ormai consolidata nei paesi dove il settore immobiliare si muove con agilità. Consiste nello spersonalizzare le case rendendole più neutre di modo che possano interessare il maggior numero di acquirenti, generare un maggior numero di offerte e vendere nel minor tempo possibile.

HOME STAGING
/mamstudio

 

I vantaggi sono immensi per tutti.

Per gli agenti offrire un servizio di  Home Staging  significa:

/Offrire ai clienti  nuovi servizi /Distinguersi dalla concorrenza /Aumentare il valore delle provvigioni /Ridurre i tempi di commercializzazione  /Ridurre a minimo la forbice di sconto /Incrementare il numero di vendite /Ottenere clienti soddisfatti che ti propongono ad amici e familiari /Ricevere prime offerte più alte /Mostrare le proprietà in vendita nel loro aspetto migliore.

Per i proprietari aderire ad un servizio di Home Staging significa:

/Garantire una prima impressione positiva /Aumentare il numero di visite /Distinguersi dalla concorrenza /Accorciare il tempo sul mercato /Ricevere prime offerte dal valore più elevato /Ridurre al minimo la forbice di sconto.

Si tratta, dunque, di una pratica molto semplice che tutti seguiamo istintivamente anche quando vendiamo la nostra“macchina vecchia”:

/Valutazione minima e massima della rivista “4 ruote” /Piccole riparazioni /Svuotamento delle nostre cose personali /Pulizia accurata /Messa in vendita /alle volte addirittura sostituzione delle fodere dei sedili.

Poche, precise operazioni per vendere presto e bene.

HOME STAGIN1
/mamstudio

L’ Home Stager è una persona preparata per garantire una prima impressione positiva. Non è banale dire che c’è solo una volta per fare la prima impressione: se questa è positiva i compratori  tornano. Se è negativa, cercano altrove.

L’ Home Stager non è un agente immobiliare e non è un architetto, né un arredatore di interni. E’ una persona che lavora accanto a due figure principali, venditore ed agente immobiliare, per la buona e rapida riuscita della vendita.

Chi lavora nel settore immobiliare, pur avendo anni di esperienza sulle spalle e tutti gli strumenti necessari deve far fronte al fatto che il mattone si muove troppo lentamente. Mille le ragioni, a partire da stime troppo elevate, pretese troppo ambiziose, un mercato intasato da proprietà di media e bassa qualità.

L’agente ha compiti ben precisi da svolgere nel gioco della compravendita immobiliare e la sua figura professionale va salvaguardata. Tra gli altri suoi compiti c’è:

/soddisfare venditori spesso impreparati, disinformati e comunque esigenti;

/informare i venditori del vero valore della loro proprietà e di attività necessarie perché la vendita avvenga presto e ad un prezzo equo;

/spiegare al venditore che il suo lavoro non finisce quando entra in scena l’agente immobiliare, al contrario, entrambi fanno parte di una squadra che lavorerà insieme fino alla stipula del contratto di vendita;

/informare il venditore dell’utilità di un intervento di Home Staging;

/spiegare al venditore che l’Home Stager  con i suoi suggerimenti e la sua esperienza trasformerà la sua casa in un oggetto pronto per la vendita;

/insegnare al venditore che è importante fare tutto quanto necessario perché la sua casa si differenzi dalle altre sul mercato, poiché non farlo significherebbe porsi sullo stesso piano di qualsiasi altra casa simile alla sua, andando ad infittire le file dell’invenduto.

I venditori non sono obbiettivi e tendono a pensare che se la casa è piaciuta a loro piacerà anche agli altri. Si, prima. Adesso i tempi sono cambiati, tutti guardano le riviste di arredamento, IKEA sbanca, il pubblico dei compratori è più informato e vuole investire bene i suoi soldi.

Tenendo a mente che la casa va vissuta come piace a noi, ma venduta come piace agli altri, il venditore dovrebbe accettare la realtà per cui investire in piccoli accorgimenti e migliorie.

Il fai da tè non funziona più perché i compratori sono cambiati, sono cresciuti, sono informati quindi, per rendere la sua casa realmente competitiva sul mercato, occorre proporre al venditore un intervento di Home Staging.

 

Emanuela Ricciardi
Home Stager, Blogger /mamstudio